subscribe
Il Giornale d'Abruzzo è il primo libero Quotidiano online, Periodico in Stampa, Web TV – 2002/2021

La Ecolan SpA risponde al consigliere Di Bucchianico e fa chiarezza

Massimo Ranieri

Dopo le accuse in consiglio comunale da parte del consigliere comunale la Ecolan fa chiarezza su tutti i punti

In riferimento alle dichiarazioni rese dal Consigliere Comunale  Gabriele Di Bucchianico (FdI) nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale di Lanciano, la EcoLan SpA, in una nota a firma di Pino FINAMORE – Presidente del Comitato Unitario per il Controllo Analogo della ECO.LAN SpA, Mario PUPILLO – Presidente dell’Assemblea dei Soci della ECO.LAN SpA, Massimo RANIERI – Presidente del Consiglio di Amministrazione della società ECO.LAN SpA , replica facendo precisazioni su tutti i punti richiamati dal consigliere.

“Ci sentiamo in dovere di rispondere nel merito in considerazione delle evidenti accuse mosse contro la ECO.LAN SpA che a Suo dire si opporrebbe alla riduzione della produzione dei rifiuti in quanto ‘se si producono meno rifiuti, in realtà, si andrebbe ad inceppare tutto quel sistema economico che gira intorno al sistema ed alla società che ne gestisce la raccolta’. Vorremmo definitivamente chiarire al Consigliere Di Bucchianico che l’unico sistema applicato dalla ECO.LAN è quello di una società ad uso e consumo della cittadinanza con la quale si è instaurato un rapporto di fiducia e collaborazione basato proprio sul contenimento dei costi e sull’efficientamento di ogni servizio.”

Nella nota che fa riferimento a dati elaborati da tecnici dell’azienda si tiene a precisare che “non vi è nessun sistema oscuro e complesso come lui vuole far credere ed i conti e l’efficienza dei servizi danno ragione alla nostra Società, che è riconosciuta ormai un’eccellenza  a livello regionale e non solo. Proprio in riferimento alla riduzione della produzione dei rifiuti, vorremmo far presente al Consigliere Di Bucchianico che nel 2015 (anno antecedente all’avvio dei servizi da parte della ECO.LAN) la produzione dei rifiuti nel Comune di Lanciano era pari a 16.775,48 tonnellate con una produzione pro – capite pari a 473,3 Kg/ab*anno (dati ufficiali ISPRA). Al 2020, dopo 5 anni di controllo da parte della ECO.LAN la produzione dei rifiuti si attesta a 14.388,34 con una produzione pro – capite pari a 413,41 Kg/ab*anno. Il decremento della generazione dei rifiuti è stato pari a 2.387,14 tonn. (- 14,22%). Come si può notare la riduzione è stata consistente ed ha permesso di raggiungere lo straordinario obiettivo  del 76% di raccolta differenziata nel 2020. A cosa si opporrebbe allora ECO.LAN? Le dichiarazioni del Consigliere Di Bucchianico non corrispondono alla realtà. La nostra è una gestione  di un servizio importante che è trasparente, efficiente ed efficace. Vorremmo precisare inoltre che in merito ai costi del servizio di igiene urbana proposti dalla ECO.LAN SpA in sede di affidamento in–house (costo annuo 4.540.898,80, IVA compresa) che lo stesso è stato basato su un livello di raccolta  differenziata pari al 71% riconoscendo già in fase progettuale la scontistica per la cittadinanza in relazione ai ricavi CONAI. La tariffa proposta già prevede a monte quindi la riduzione dei costi per i cittadini, un unicum in tema di affidamenti. Per di più per ogni punto percentuale di produzione dei rifiuti e per la connessa diminuzione di rifiuti a smaltimento prodotti è prevista una compensazione per l’amministrazione comunale in termini economici o di servizi per la cittadinanza.” La nota si fa riferimento anche ai servizi resi dalla Ecolan anche extra contratto.

“Deve considerare il Consigliere Di Bucchianico che nell’ultimo quinquennio il mercato dei costi di trattamento dei rifiuti (indifferenziato/organico/spazzamento stradale) ha subito incrementi del 20/30% a livello regionale ed ancora di più a livello nazionale. E sa quale incremento ha avuto in tariffa il Comune di Lanciano? Nessuno, tutti gli incrementi sono stati assorbiti dalla ECO.LAN SpA che al contempo ha reso numerosi servizi ed ulteriori servizi extra contratto, cosi come per gli altri Comuni soci, utilizzando in parte i ricavi provenienti dalla gestione della discarica, compresa la realizzazione dell’ECOPARCO dell’economia circolare nel quartiere Santa Rita. L’intervento nella zona del Comune di Lanciano, ha permesso di riqualificare/rigenerare un’area verde dell’importante e popoloso quartiere, e nel quale è stata installata una ecoisola per il conferimento dei rifiuti e che sarà utilizzata da un gruppo di utenze appositamente individuate proprio per la sperimentazione della ‘tariffa puntuale’. In più è intervenuta la regolamentazione delle tariffe da parte di ARERA che ha comportato incrementi tariffari per tutti i Comuni Abruzzesi dell’ordine del 10/15% mentre per i Comuni soci della Ecolan, quindi compreso Lanciano, abbiamo contenuto al minimo gli incrementi (circa 1%), nonostante la crescita esorbitante di tutti i costi di smaltimento e trattamento. Fuorviante anche il riferimento ad una nuova discarica a servizio dei Comuni della ECO.LAN SpA che non è assolutamente legata alla produzione dei rifiuti (tra l’altro scesa dell’ordine del 15%) ma alla programmazione industriale dettata dai Comuni soci della ECO.LAN SpA.”

Finamore, Pupillo e Ranieri si soffermano sulla cosiddetta tariffa puntuale. “Facciamo presente che la ECO.LAN SpA ha già effettuato la taggatura dei mastelli con i microchip e dotato i dipendenti con appositi palmari necessari all’organizzazione della tariffa puntuale con il sistema di vuotatura del mastello indifferenziato, riteniamo però che il passaggio alla tariffazione puntuale debba essere calibrato in relazione alla peculiarità del territorio ed ad un centro storico ed un’area residenziale in cui vi è la presenza di numerosi condomini con la conseguente complessità della ripartizione della reale produzione dei rifiuti riferita ad ogni utenza. Ed infatti dalle sperimentazioni effettuate (già dal 2017) abbiamo verificato che il sistema del palmare presenta diverse criticità di lettura ed abbiamo avviato una prova sul Comune di Tollo, con un sistema di lettura fisso installato sui mezzi (di costo più elevato) che sta dando risultati efficaci e che potrà essere applicato a regime anche sugli altri Comuni.”

La Ecolan ci tiene a precisare che i costi degli altri comuni sono di gran lunga superiori a quelli applicati dal comune di Lanciano facendo riferimento ai dati ISPRA.

“La realtà è che la ECO.LAN lavora nell’interesse esclusivo dei propri Comuni soci e non dovrebbe essere continuamente attaccata in quanto rappresenta un’eccellenza territoriale presa a modello da tante altri territori Italiani . Da parte nostra, vi è la massima disponibilità. Chiudiamo con l’invito al Consigliere Di Bucchianico a un confronto sulle tematiche da lui toccate al fine di rafforzare il convincimento comune che il progetto ECO.LAN è solo all’inizio di un percorso che porterà al territorio dei 71 comuni soci nuovi sbocchi lavorativi, sociali ed economici nell’interesse dell’intera cittadinanza.” si legge a conclusione del comunicato stampa.


Avezzano: arrestati due marocchini per spaccio di droga

La polizia ha invece denunciato un terzo marocchino. Erano tutti irregolari e con precedenti penali Nella serata di ieri personale…
Read More
Avezzano: arrestati due marocchini per spaccio di droga

Splendidi fenicotteri sostano alla foce del Vomano

foto di Mariano Mariani Il Vomano si conferma sito importante sulle rotte migratorie Una coppia di fenicotteri sosta da alcuni…
Read More
Splendidi fenicotteri sostano alla foce del Vomano

Frisa avrà il suo Ecoparco pubblico multimediale.

P_330 Verrà realizzato in collaborazione con Ecolan Spa su un’area di 1200 metri quadrati Il progetto nasce da un’iniziativa del…
Read More
Frisa avrà il suo Ecoparco pubblico multimediale.

Sulmona, punto nascita: risoluzione di Antonietta La Porta (Lega)

Ancora una volta la consigliera regionale torna a difendere il punto nascita della città peligna È a firma della consigliera…
Read More
Sulmona, punto nascita: risoluzione di Antonietta La Porta (Lega)

Tumore al seno, la Breast Unit della Asl di Chieti promossa dalla Bocconi

Nel Rapporto “Oasi” Bocconi ha analizzato le performances di 135 Breast Unit Italiane Nuove stellette sul petto della Breast Unit…
Read More
Tumore al seno, la Breast Unit della Asl di Chieti promossa dalla Bocconi

Lanciano, pakistano di 30 anni denunciato per maltrattamenti in famiglia

La donna da tempo subiva maltrattamenti e vessazioni dall’uomo Da mesi veniva maltrattata, vessata dal proprio coniuge che le impediva…
Read More
Lanciano, pakistano di 30 anni denunciato per maltrattamenti in famiglia

Pescara Roma. Marsilio: Bene il commissario ora la garanzia sui fondi

Ferrovia Pescara-Roma: la bozza di DPCM del Governo individua Vincenzo Macello come commissario dell’opera. Un passo avanti per il potenziamento…
Read More
Pescara Roma. Marsilio: Bene il commissario ora la garanzia sui fondi

Punto nascita di Sulmona: No perentorio del Ministero che chiede la chiusura

Il Ministero dà parere negativo alla proroga e chiede la data di chiusura del punto nascita Con il parere negativo…
Read More
Punto nascita di Sulmona: No perentorio del Ministero che chiede la chiusura

San Vito Chietino, anziano scomparso ritrovato dai carabinieri

Aveva cercato riparo dal freddo nei ruderi della vecchia fornace. Infreddolito ma in buone condizioni Nel pomeriggio di ieri un…
Read More
San Vito Chietino, anziano scomparso ritrovato  dai carabinieri

Sasi, è tempo di bilanci dopo un anno difficile.

Il presidente Gianfranco Basterebbe tira le somme e parla di nuovi progetti Il presidente della Sasi Gianfranco Basterebbe, seppur con…
Read More
Sasi, è tempo di bilanci dopo un anno difficile.

I commenti sono stati disabilitati.

www.IlGiornaledAbruzzo.it - Sito Web principale GiornaledAbruzzo - Archivio 2002/2011(momentaneamente non disponibile)
Licenza Creative Commons

This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License

giornaledabruzzo.net, giornaledabruzzo.it, ilgiornaledabruzzo.it sono opere pubblicate sotto una Licenza Creative Commons. Siete liberi di riprodurre tutto il materiale non alterandolo, citando la fonte e non traendone vantaggi economici.

La maggior parte delle fotografie pubblicate sono di proprietà della testata giornalistica, altre vengono fornite in allegato ai comunicati stampa, alcune potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico, ove possibile viene citata la fonte. I proprietari contrari alla pubblicazione possono segnalarcelo all'email Webmaster Il G.d'A.

Editrice "La Luna di Seb" Associazione
Tel: (+39) 320.8186340 (ore ufficio)
Policy Privacy - Cookie Privacy