subscribe
Il Giornale d'Abruzzo è il primo libero Quotidiano online, Periodico in Stampa, Web TV – 2002/2020

Libri “Il male degli angeli” il nuovo romanzo di Luisa Gasbarri

È uscito da pochi giorni il nuovo romanzo di Luisa Gasbarri, Il male degli angeli, edito da Baldini+Castoldi/La nave di Teseo. Un romanzo atipico che assume la struttura del thriller per raccontare uno dei retroscena più curiosi della Seconda guerra mondiale.

In realtà la vicenda prende avvio da accadimenti contemporanei: la scoperta dello strano destino che pare misteriosamente accomunare alcune giovani donne in Europa, donne che scompaiono, finendo vittima di circostanze accidentali quanto inattese, costantemente tragiche.

Individuare la logica che si cela dietro episodi simili, quindi l’elemento comune alle vittime, diventa l’assillo della protagonista del romanzo, Sara Wolner, funzionaria dell’Interpol insofferente alle gerarchie e alle carriere regolari, un’ingombrante famiglia ebrea alle spalle, rapporti umani rarefatti e problematici, soprattutto con i suoi colleghi più stretti. Tuttavia inseguire un indizio può talvolta portare dritti tra le braccia di pericolosi fantasmi del passato e, se il passato è la Berlino nazista degli anni Quaranta, non ci si può aspettare molto di buono…

Incalzante e scorrevole, costruito come una matrioska ma pronto a esplodere a ogni colpo di scena a mo’ di bomba a orologeria, il romanzo delinea i tentativi messi in atto dai tedeschi per fermare l’avanzata degli Alleati ricorrendo a complicità inattese, prima fra tutte quella con le medium della Società Vril, la loggia esoterica su cui oggi pare più difficile giungere a una verità storica conclusiva.

Il libro si offre dunque quale ottima opportunità per maturare una visione differente dell’intero scenario bellico, i cui schieramenti, col successivo posizionarsi di vincitori e vinti, determinarono conseguenze incalcolabili per i successivi anni del Novecento, nonché le note, pesanti influenze per il nostro presente.

Benché le ordinarie convinzioni del lettore vengano messe a dura prova, non è però questo il tratto distintivo dell’opera di Gasbarri, che trova invece una sua originalità appassionata nel tracciare i ritratti di tante donne diverse, anche storicamente esistite, come Maria Orsitsch o Sigrun, la ragazza dagli occhi bianchi che rappresenta certo della vicenda il personaggio più inquieto e dolente, incarnando del ‘male degli angeli’ fino in fondo il fascino e l’ambiguità profonda.

Personaggi così carichi di umanità, fosse la disperazione o l’utopia ad animarli, che non si vorrebbe lasciarli neppure al termine della storia.

E se sospendere l’incredulità può allargare i nostri orizzonti, è in definitiva un atto di coraggio a segnare sempre la differenza nel corso delle vicende. Il coraggio è infatti il protagonista invisibile del libro, e in particolare il coraggio delle donne. Perché se gli uomini incarnano l’ordine costituito e il controllo, il potere e la violenza prevaricatrice della dittatura e del totalitarismo, sono le donne a farsi strumento qui della diffidenza e della ribellione, del dubbio e di una trasversale voglia di rivalsa. Ed ecco il coraggio affiorare allora nella tenacia di Sigrun bambina, che sceglie la protezione di un uomo delle SS pur di poter sopravvivere; ecco il coraggio esprimersi nell’introspezione continua di Sara, che preferisce la dannazione del fuoco all’inconsapevolezza buia annidata nel suo cuore; ecco il coraggio divenire tensione verso il trascendente in Maria, colei che a una forma di salvezza anelerà fino alla fine del libro, o dedizione in Sveva, forse tra le figure femminili la più coerente, col suo silenzioso sfidare ovvietà e pregiudizi, nel tentativo di non tradirsi nemmeno in nome della divisa.

Sfida e trepidazione ci catturano anche se tutt’intorno l’orizzonte morale vacilla.

Vedendo volare un angelo è raro chiedersi infatti dove mai sia diretto: la magia delle sue ali è  decisamente soverchiante.

 Luisa Gasbarri, Il male degli angeli, Baldini+Castoldi, Milano. Uscita: 24 luglio 2020.


I commenti sono stati disabilitati.

www.IlGiornaledAbruzzo.it - Sito Web principale GiornaledAbruzzo - Archivio 2002/2011(momentaneamente non disponibile)
Licenza Creative Commons

This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License

giornaledabruzzo.net, giornaledabruzzo.it, ilgiornaledabruzzo.it sono opere pubblicate sotto una Licenza Creative Commons. Siete liberi di riprodurre tutto il materiale non alterandolo, citando la fonte e non traendone vantaggi economici.

La maggior parte delle fotografie pubblicate sono di proprietà della testata giornalistica, altre vengono fornite in allegato ai comunicati stampa, alcune potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico, ove possibile viene citata la fonte. I proprietari contrari alla pubblicazione possono segnalarcelo all'email Webmaster Il G.d'A.

Editrice "La Luna di Seb" Associazione
Tel: (+39) 320.8186340 (ore ufficio)
Policy Privacy - Cookie Privacy