subscribe
Il Giornale d'Abruzzo è il primo libero Quotidiano online e Periodico in Stampa – 2002/2018

Pescara: Cerolini (F.I.) critica l’amministrazione per i rifiuti nelle strade

“Un triste risveglio tra rifiuti e degrado quello del primo gennaio 2018 per i pescaresi: intere strade letteralmente sommerse da sacchi dell’immondizia e rifiuti vari, soprattutto in pieno centro, da via Gramsci a piazza Primo Maggio a corso Umberto, con vere collinette di pattume a ricoprire la spiaggia, fotografia dell’inettitudine dell’amministrazione comunale in carica che, da un lato, sbandiera le migliaia di presenze per le celebrazioni del Capodanno, ma dall’altro non è stata neanche capace di predisporre una raccolta straordinaria del pattume nelle strade di maggior accesso nel primo dell’anno. Una raccolta invece che sarebbe stata necessaria visto che tre quarti delle vie del centro hanno visto la rimozione dei cassonetti dei rifiuti per le misure antiterrorismo applicate ai concerti, e le persone che ieri sera hanno assistito agli eventi di piazza, ovviamente, si sono ritrovate a gettare carte, bicchieri e bottiglie nei piccoli cestini stradali che mai avrebbero potuto contenere un tale volume di pattume letteralmente ‘vomitato’ su strade e marciapiedi”. Lo ha detto il Coordinatore cittadino di Forza Italia Guido Cerolini commentando le condizioni in cui si trovava Pescara stamane. “Una città completamente allo sbando nelle mani di amministratori che, dopo tre anni e mezzo, continuano a essere dei semplici dilettanti allo sbaraglio – ha detto il Coordinatore Cerolini -. Per giorni e giorni il sindaco Alessandrini e la sua giunta hanno sbandierato la bontà degli eventi promossi per il Capodanno, i grandi concerti pagati dai pescaresi, sfornando cifre e presenze da capogiro. Una tale puntualità avrebbe fatto supporre una macchina organizzativa perfetta, pronta a fronteggiare quella che è una ‘felice’ emergenza, ovvero la concomitante presenza in città di migliaia di utenti con l’allestimento di servizi straordinari. E invece non è stato così: stamane Pescara, soprattutto le vie del centro, quelle che da giorni sono prive dei cassonetti del pattume perché ritenuti a rischio per probabili attentati dinanzi a grossi eventi di aggregazione, si è risvegliata ricoperta di rifiuti. Ovunque spuntavano collinette di buste e buste di immondizia abbandonate su strade e marciapiedi. Critica la situazione in via Gramsci, dove dinanzi alle vetrine dei bar della ‘Pescara-bene’ campeggiavano in bella vista bustoni di rifiuti, bidoni stracolmi, e immondizia lasciata a terra, con cassette di legno. Inaccettabile la situazione della spiaggia libera di piazza Primo Maggio dove stamane c’era veramente di tutto: dai resti dei festeggiamenti notturni, con bottiglie di vetro rotte, tra cui facevano la gimcane bambini, ragazzi, famiglie con amici a quattrozampe, cartacce, buste di plastica e i resti dei petardi esplosi evidentemente sulla spiaggia di notte. Intollerabili le condizioni dei piccoli cestini portarifiuti in cui hanno veramente gettato di tutto: cartacce, bottiglie, bicchieri, cannucce, addirittura anche buste regalo lasciate come ricordo. Una situazione in realtà perfettamente prevedibile da parte di un sindaco, Alessandrini, che si era detto sicuro delle migliaia di presenze in città per Capodanno, e che si sarebbe dovuto preoccupare almeno di far predisporre dalla Attiva un servizio di pulizia e di raccolta dei rifiuti straordinari per la giornata odierna, specie nelle strade del passeggio e dove stasera di nuovo si concentreranno le persone per il secondo concerto. E invece stamane i presunti turisti di passaggio hanno visto il peggior volto di una città abbandonata, in cui si gettano 200mila euro per due concerti di tre ore complessive, ma non si stanziano 5mila euro di straordinari per far pulire la città il primo gennaio pagando gli operai della Attiva. Ovviamente – ha aggiunto il Coordinatore Cerolini – un tale vergognoso spettacolo non è passato inosservato ai pescaresi che ormai si preparano a mandare a casa una giunta politicamente inadeguata”.

 

 

I commenti sono stati disabilitati.

www.IlGiornaledAbruzzo.it - Sito Web principale GiornaledAbruzzo - Archivio 2002/2011(momentaneamente non disponibile)
Licenza Creative Commons

This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License

giornaledabruzzo.net, giornaledabruzzo.it, ilgiornaledabruzzo.it sono opere pubblicate sotto una Licenza Creative Commons. Siete liberi di riprodurre tutto il materiale non alterandolo, citando la fonte e non traendone vantaggi economici.

La maggior parte delle fotografie pubblicate sono di proprietà della testata giornalistica, altre vengono fornite in allegato ai comunicati stampa, alcune potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico, ove possibile viene citata la fonte. I proprietari contrari alla pubblicazione possono segnalarcelo all'email Webmaster Il G.d'A.

-
Editrice "La Luna di Seb" Associazione
Tel/Fax: (+39) 0872.632490