subscribe
Il Giornale d'Abruzzo è il primo libero Quotidiano online e Periodico in Stampa – 2002/2017

I cento anni di nonna Elvira

Oggi, 2 giugno, è il compleanno di nonna Elvira che compie 100 anni. Si tratta della nonna della nostra Catia Napoleone che l’ha intervistata mettendo in evidenza la fragilità, l’esperienza, la simpatia della festeggiata. Alla nonnina gli auguri de Il Giornale d’Abruzzo.

Ciao nonna, come stai?

  • E come dovrei stare? Ho qualche dolore qua e là. Guardo la televisione ma poco poco. La spengo subito che non ci sta più niente da guardare.
  • Nonna ma lo sai che oggi è il tuo compleanno?
  • L’avevo dimenticato. Sì, oggi è Due Giugno. E Giovanni dov’è?
  • Il nonno non c’è più.
  • E’ vero. L’avevo dimenticato. Sai che combinava quel matto di Giovanni quando c’erano i tedeschi? Io andavo alla fonte degli augelli, qui a Brecciarola a lavare le lenzuola e lui, per paura che i soldati mi venissero appresso si metteva a spiare fino a quando non sparivo in strada.
  • Come erano i tedeschi?
  • I tedeschi erano educati ma nonno Giovanni era geloso e io se restavo fuori ad asciugare i capelli lui si arrabbiava e io me ne dovevo scappare dentro casa che sennò mi portava il muso per giorni interi.
  • E tu cucinavi pure per i tedeschi ?
  • Certo che sì. Facevo le sagne con acqua e farina e poi prendevo due pomodori dall’orto, due foglie di basilico, lu vascianicole insomma, due di numero e ci facevo il sugo.
  • E quelli, i tedeschi… apprezzavano?
  • E secondo te, no? Certo che apprezzavano.
  • Ma di oggi, che mi dici di oggi?
  • Che io non ricordo nulla. Mi sono persa un pezzo di memoria per strada. A volte dico grazie a Dio, a lui che ancora mi fa mangiare, mi fa bere e mi fa stare con i figli dei figli dei figli. A volte non vi riconosco. Io ho due figlie Ilde e Lidia. Quelle le ho volute davvero. So che tutti voi siete nipoti e va bene ma un attimo dopo non so chi siete.
  • Nonna ma sei felice di essere arrivata a cento anni?
  • Sì anche se mi piacerebbe tornare indietro ma con la testa di oggi.
  • E che faresti?
  • Boh, forse tutto quello che ho fatto. Io la vita me la sono goduta come ho potuto. Mi sono goduta le figlie e mio marito anche se per poco.
  • Ti manca nonno Giovanni?
  • E chi è?
  • Tuo marito?
  • Sì, Certo, lui se l’è squagliata e io sono rimasta vedova che ero molto giovane. Avevo 56 anni.
  • E perché non ti sei risposata?
  • Ai tempi miei funzionava così ma, ad ogni buon conto, di marito me n’è bastato uno. Anzi mi è pure avanzato. Ma tu chi sei?
  • Come chi sono? Sono tua nipote. Oggi sono qui per festeggiare i tuoi cento anni. Ci stanno pure tutti gli altri.
  • Sul serio? Ma non li avevo fatti a Gennaio?
  • No, nonna. Tu sei nata a Giugno. Il Due Giugno. Ma l’anno almeno te lo ricordi?
  • Io sono nata nel millenocentodiciassette! Ma tu chi cavolo sei?
  • Sono tua nipote. Sono Katy.
  • Ah, l’avevo dimenticato. Ma sei cresciuta un poco…
  • Sì ma allora che mi racconti oggi?
  • Che ti voglio raccontare figlia mia? Ti dico che la vita è breve e che bisogna godersela finché il fiato non ci abbandona.
  • Ma allora sei felice assai?
  • Certo che sì. Provaci tu ad arrivare agli anni miei!
  • E che segreto hai?
  • I dolori veri come la fame, la guerra, i lutti e certi dispiaceri bisogna farseli scivolare sulla pelle.
  • E come si fa?
  • Si fa che se non capisci come si fa sono cavoli amari e a cento anni non ci arrivi. La rabbia fa morire giovani. La rabbia, i rancori, le tristezze non devono entrare nella carne.
  • Sì, ho capito ma come si fa?
  • Si fa che quando capita una disgrazia che il mondo è pieno di disgrazie torni a casa e ti siedi a tavola, a mezzogiorno in punto e ti fai prima il segno della croce e dici un Padre Nostro e poi ti fai un bel bicchiere di vino. Io ho sempre bevuto ai matrimoni, ai battesimi ma pure al funerale di qualcuno. Prima mi sono fatta un bicchiere e poi ho pianto.
  • Ma il vino non fa male?
  • Sì, me lo dice pure il mio medico e prima ancora me lo diceva suo padre che faceva pure lui il medico e io intanto pure se mi scordo tutto intanto mi ricordo che ci sto mentre gli altri se ne sono andati.
  • Nonna, vuoi un bicchiere di vino?
  • Sì e dopo dammi pure la compressa che con l’acqua le compresse per il cuore fanno male.
  • Auguri nonna.
  • Ma tu chi sei?
  • Una che è capitata qui, per caso.
  • Allora dammi un abbraccio che la vita è tutta qui.
  • Auguri nonna!
  • O ddio, auguri pure a te. E che tu possa arrivare agli anni miei figlia! Questo ti auguro. Che tu possa arrivare agli anni miei! La vita è ‘na cosa bella addaver! E io questo mondo non lo voglio proprio lasciare.

 

 

 

 

Catia Napoleone

 

 

 

 

I commenti sono stati disabilitati.

www.IlGiornaledAbruzzo.it - Sito Web principale GiornaledAbruzzo - Archivio 2002/2011(momentaneamente non disponibile)
Licenza Creative Commons

This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License

giornaledabruzzo.net, giornaledabruzzo.it, ilgiornaledabruzzo.it sono opere pubblicate sotto una Licenza Creative Commons. Siete liberi di riprodurre tutto il materiale non alterandolo, citando la fonte e non traendone vantaggi economici.

La maggior parte delle fotografie pubblicate sono di proprietà della testata giornalistica, altre vengono fornite in allegato ai comunicati stampa, alcune potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico, ove possibile viene citata la fonte. I proprietari contrari alla pubblicazione possono segnalarcelo all'email Webmaster Il G.d'A.

-
Editrice "La Luna di Seb" Associazione
Tel/Fax: (+39) 0872.632490