subscribe
Il Giornale d'Abruzzo è il primo libero Quotidiano online e Periodico in Stampa – 2002/2018

Vincenzo Traniello confermato segretario Cisl Fp

Oggi, a Vasto, si è svolto il Congresso della CISL FP alla presenza di  Francesco Menna, Sindaco di Vasto; Silvio Paolucci, Assessore alla programmazione sanitaria della Regione Abruzzo, di Vittorino Facciolla, Assessore alle politiche agricole ed agroalimentari della Regione Molise, e di Maurizio SPINA, Segretario Generale CISL AbruzzoMolise. Le conclusione dei lavori della giornata sono state affidate a Maurizio PETRICCIOLI, Segretario Nazionale Confederale Commissario Straordinario FP Nazionale. Nella relazione introduttiva di Vincenzo TRANIELLO, a nome della Segreteria, è emersa la necessità di un cambiamento del movimento sindacale nella sua azione di tutela nei confronti dei lavoratori del Pubblico Impiego. “Questa crisi economica che, appare sempre più come una “tempesta senza fine” ha colpito gravemente il trattamento economico dei dipendenti pubblici. Dopo 8 anni di blocco della contrattazione nei settori della pubblica amministrazione, l’Accordo siglato il 30 novembre 2016, costituisce un’importante intesa con la quale il Ministero della Funzione Pubblica e CGIL, CISL e UIL hanno posto le basi per una ripresa dei negoziati per i rinnovi contrattuali in tutti i comparti. Inoltre, rilancia il ruolo della contrattazione collettiva che negli ultimi anni era stata resa marginale per la crescente ingerenza della legge”.  Sull’atteso rinnovo contrattuale per i dipendenti pubblici, ha proseguito Maurizio Petriccioli nel suo intervento: “il 2017 sarà un anno decisivo. Le risorse programmate nel Def e quelle rese immediatamente disponibili nel Dpcm di Febbraio, non sono ancora sufficienti per rientrare nel perimetro dell’intesa del 30 novembre. Apprezzo tuttavia l’apertura, diffusa nel Documento di Economia e Finanza, di giungere al tanto atteso rinnovo del Contratto Collettivo, ma ci deve essere un chiarimento ulteriore sull’estensione al settore pubblico di quelle opportunità, già presenti nel privato, come le agevolazioni fiscali per il salario di produttività; sull’introduzione di forme di welfare integrativo; sul ruolo della contrattazione collettiva per permettere alle organizzazioni sindacali di condividere gli obiettivi generali e specifici delle pubbliche amministrazioni. L’eliminazione della sovrapposizione dei vari livelli istituzioni e la semplificazione della Pubblica amministrazione sono e sono stati da sempre degli obiettivi che la Cisl e la Cisl Fp hanno cercato di perseguire. “È necessario che il Governo  indichi quale progetto concreto ha per la Pubblica Amministrazione del futuro, – ha continuato Traniello– . La vera riforma è che il Governo si comporti da imprenditore e datore di lavoro. La Cisl è pronta ad iniziare questa nuova fase. La Legge Del Rio  ha ridisegnato le funzioni delle province, ma i tagli successivi e il caos amministrativo e politico all’interno delle regioni, ha generato dei grossi disservizi all’utenza e forte demotivazione dei dipendenti delle amministrazioni provinciali. Le leggi regionali dell’Abruzzo e del Molise hanno riordinato il trasferimento delle funzioni alla regioni, ma dobbiamo evitare che questo riordino diventi un ulteriore vulnus ai servizi alla persona e alle infrastrutture.”. Per Traniello, l’Abruzzo e il Molise devono proseguire la strada delle riforme con maggiore coraggio e decisione, per ricominciare a crescere. “Abbiamo bisogno di un sistema socio-sanitario integrato per  affrontare le sfide dell’aumento della domanda dei servizi e della drastica frammentazione dell’offerta di servizi imposta dalle amministrazioni pubbliche. Una riorganizzazione della rete ospedaliera, sia in Abruzzo che in Molise, non può prescindere dal coinvolgimento di tutti gli operatori sanitari e le parti sociali. La CISL FP vigilerà sul territorio, affinché la manovra non si traduca in tagli lineari, ma in un’occasione per superare gli sprechi e le inefficienze presenti nelle strutture sanitarie e nei servizi. Una riorganizzazione che diminuisce sensibilmente il numero di presidi ospedalieri, necessita di una rete dell’emergenza-urgenza. Il raggio di azione della riorganizzazione dei Servizi Sanitari regionali potrà estendersi anche alle aziende locali con la costituzione di un’unica Asl regionale. Progetto già realizzato in Molise. Le nuove linee guida approvate dalla Regione Abruzzo valorizzano fortemente le professioni sanitarie, ma devono essere inserite negli atti aziendali delle 4 Asl”.

“La CISL FP non si è mai sottratta nell’esporre le proprie preoccupazioni per il protrarsi dei ritardi nell’attuazione della riforma dei Consorzi industriali e dei disagi creati alle imprese e ai cittadini. La definizione di una nuova articolazione del tessuto economico industriale parte proprio dalla riforma dei Consorzi di sviluppo industriale. La riforma delle Camere di Commercio in Molise è stata già realizzata con la costituzione di 1 Camera. Invece, in Abruzzo, per una mancanza di assunzioni di responsabilità, ad oggi, ancora non siamo riusciti a portare a casa i risultati di un processo di unificazione e razionalizzazione”, – specifica il segretario CISL FP AbruzzoMolise. Da ultimo, ma non in termini d’importanza,  la CISL FP AbruzzoMolise aspetta una riorganizzazione dell’Ente Regione che purtroppo non riesce a decollare, generando ricadute negative  e rendendo l’azione amministrativa meno incisiva. Capire la crisi vuol dire in primo luogo comprendere gli scenari nel medio ma anche nel lungo periodo. “Non possiamo permetterci altri errori. Il sindacato deve adottare strumenti di tutela e di rappresentanza adeguati alla mutata realtà economica e sociale e su questo punto la riflessione e l’iniziativa sindacale è fortemente in ritardo. Questa è la nostra vera sfida: nuove opportunità di rappresentanze in una società sempre più articolata e complessa. La CISL FP non si sottrae alle sue responsabilità, ma invitiamo –  ha chiesto Traniello – di avviare celermente la fase successiva del confronto, dando l’avvio formale alle trattative all’Aran. Sarebbe un segnale davvero importante per tutti quei lavoratori pubblici che attendono il rinnovo del Contratto ormai da 8 anni”.

I commenti sono stati disabilitati.

www.IlGiornaledAbruzzo.it - Sito Web principale GiornaledAbruzzo - Archivio 2002/2011(momentaneamente non disponibile)
Licenza Creative Commons

This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License

giornaledabruzzo.net, giornaledabruzzo.it, ilgiornaledabruzzo.it sono opere pubblicate sotto una Licenza Creative Commons. Siete liberi di riprodurre tutto il materiale non alterandolo, citando la fonte e non traendone vantaggi economici.

La maggior parte delle fotografie pubblicate sono di proprietà della testata giornalistica, altre vengono fornite in allegato ai comunicati stampa, alcune potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico, ove possibile viene citata la fonte. I proprietari contrari alla pubblicazione possono segnalarcelo all'email Webmaster Il G.d'A.

-
Editrice "La Luna di Seb" Associazione
Tel/Fax: (+39) 0872.632490